Amministrazione Trasparente
amm-trasp
Albo Pretorio
albo pretorio
Accesso docenti registro elettronico

Risultati immagini per scuolanext accesso docenti

area riservata docenti e ata

posta elettronica docenti e ata

Risultati immagini per posta

accesso NOIPA personale docente e non docente

Collinrete
Il nostro istituto aderisce alla rete di scuole COLLINRETE


Il puint dai canais
lavori e percorsi formativi negli istituti di COLLINRETE

I recapiti dell’istituto

SEDE CENTRALE E AMMINISTRATIVA

Viale G. Schiratti 1
33030 Majano (UD)
Tel. 0432 959020
Fax. 0432 948208

E-MAIL

udic81500t@istruzione.it

POSTA CERTIFICATA

udic81500t@pec.istruzione.it

archivio news

in evidenza

Ultima modifica: martedì, 21 Luglio 2020

NELLA SEZIONE “AREA GENITORI-LIBRI DI TESTO E COMODATO” SONO STATI PUBBLICATI GLI ELENCHI DEI LIBRI DI TESTO DELLE SCUOLE SECONDARIE DI PRIMO GRADO DI MAJANO E FORGARIA.

In AREA BENESSERE/Iniziative per genitori si pubblicano i RISULTATI INOLTRATI DALL’UNIVERSITA‘ DI UDINE RELATIVI AL PROGETTO DI RICERCA SUGLI EFFETTI PSICOLOGICI DEL PERIODO DI ISOLAMENTO sui bambini, sui ragazzi e le loro famiglie.

 

Si comunica che sono stati caricati in Bacheca del Registro elettronico “Scuolanext- accesso famiglie” i documenti di valutazione degli alunni delle scuole Primarie e Secondarie di Primo grado. 

 

LA SCUOLA COME FORMA DELL’ANIMA

  Si è chiuso l’anno più difficile della scuola italiana. Ma ce l’abbiamo fatta: a Majano e Forgaria siamo riusciti a stare vicini ai nostri bambini e ai nostri ragazzi grazie alla passione degli insegnanti, che si sono dovuti reinventare dentro una didattica nuova e difficile. La richiesta delle famiglie è stata alta e attenta e la risposta dei docenti di Majano e Forgaria è stata partecipe, empatica, entusiasta.

  Ho visto sbocciare iniziative molto belle e ho visto una grande cura. Nei giorni più duri del lockdown ci siamo trovati a volte nella scuola di Majano da soli io e Marcella Pugnale, direttrice dei servizi sempre presente, sempre attiva, sempre decisa. Le assistenti amministrative, le collaboratrici e i collaboratori scolastici hanno risposto a tutte le richieste con grande professionalità e precisione, attraverso la presenza e il lavoro agile.

  Nella scuola presidiata da poche persone, con una mia presenza fatta di brevi passaggi dopo essere stato nella scuola di titolarità, abbiamo sempre lavorato perché chi da casa faceva lezione lo potesse fare sapendo che l’Istituto stava lavorando per reggere l’urto di questo drammatico momento.

  A Majano e Forgaria sono arrivato da reggente l’8 settembre e ho trovato subito grande calore e collaborazione, impegno di tutti e passione per la scuola. E questo bellissimo clima scolastico ha permesso di sperimentare nuove forme di didattica e stare così vicino ai nostri bambini e ragazzi.

  So che  gli alunni più piccoli della scuola dell’infanzia e della scuola primaria sono i nostri studenti che più hanno sofferto la lontananza, ma so che le maestre hanno sempre avuto una grande cura per loro. E io farò tutto quanto mi è possibile per far  ripartire tutti insieme a settembre. Gli adolescenti hanno avuto un accompagnamento eccezionale  e l’esame della terza media in modalità telematica è riuscito a mostrare come la competenze e l’umanità siano la traccia distintiva di tutti gli insegnanti di Majano e Forgaria.

  Il mio grazie finale è un atto di ammirazione per chi col suo lavoro ha mostrato quello che è capace di fare la scuola italiana.

 

IL DIRIGENTE SCOLASTICO REGGENTE

Stefano Stefanel

 

AVVISO COMUNE di MAJANO: BANDO DI CONCORSO PER L’ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA FRUIZIONE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA ANNO 2019

 

 PER I GENITORI E GLI ALUNNI SI RICORDA CHE VIENE MESSO A LORO DISPOSIZIONE PER UN SUPPORTO PSICOLOGICO LO SPORTELLO D’ASCOLTO CON LE PSICOLOGHE CRISTINA PERESSINI E RAFFAELLA PERESSI

 

GESTIONE EMERGENZA CORONAVIRUS –LEGGI

AVVISO

Con riferimento anche alla nota dell’USR FVG prot. 3001 del 02/04/2020 si comunica:
Numeri di telefono da utilizzare da parte dell’utenza dal lunedì al venerdì:
Dalle ore 8:00 alle ore 14:00
0432959020 (telefono della segreteria)
3285654049 (cellulare del Dirigente Scolastico)
Altri orari
3285654049 (cellulare del Dirigente Scolastico)

Eventuali comunicazioni possono essere inoltrate al seguente indirizzo: udic81500t@istruzione.it

Il Dirigente Scolastico Reggente
Stefano Stefanel

AI MIEI ALUNNI DELL’ISTITUTO COMPRENSIVO DI MAJANO E FORGARIA

COMUNICAZIONE del DIRIGENTE ai GENITORILeggi

COMUNICAZIONE DEL DIRIGENTE -emergenza covid 19- Leggi

 

Tutte le informazioni riguardanti il servizio mensa e scuolabus si trovano nell’area genitori 

 

 

I ragazzi della classe 1^ B della scuola secondaria di Majano hanno realizzato l’ebook “Diario di una quarantena” che raccoglie alcuni dei lavori prodotti dagli alunni durante il periodo di emergenza coronavirus e la didattica in Dad. Buona lettura!

 

I tre giorni di maratona Hackathon purtroppo sono giunti al termine, ma eccovi un breve riassunto in cui vi sveleremo tutto il lavoro svolto in queste intensissime 27 ore!
I ragazzi sono stati divisi in gruppi diversi e hanno dovuto affrontare temi complessi ma stimolanti: c’era chi doveva riprogettare gli spazi scolastici in modo innovativo, chi doveva lavorare per proporre soluzioni utili ad incoraggiare e rafforzare le relazioni umane, chi infine doveva creare, sviluppare e progettare proposte innovative anche per la didattica di tutti i giorni, il tutto tenendo presente l’uso consapevole, in tutti tre gli ambiti, del digitale.
L’esperienza, assolutamente diversa ed entusiasmante, si è concretizzata in una maratona dove gli alunni hanno anche avuto modo di incontrare virtualmente alcuni loro idoli musicali, sentire le parole rivolte loro dalla ministra dell’Istruzione Azzolina o da una grande campionessa dello sport e quelle di tante altre personalità di spicco che hanno fatto parlare bene di sé sia nel nostro Paese che all’estero.
I ragazzi hanno lavorato con impegno, passione e trasporto per tre giorni interi fino alla cerimonia finale dove sono stati proclamati i vincitori che proseguiranno il secondo step di questa competizione nazionale. Tutti i lavori presentati erano innovativi, originali e dimostravano il grande impegno di tutti i gruppi coinvolti, ma, come in tutte le competizioni serie, a pochi viene riservato il podio: Dean Valentino e Mocchiolo Mattia, sono tra i fortunati che potranno continuare con il loro team questa incredibile avventura dal nome Hackathon.

 
L’altro giorno ho ricevuto dalla prof. Fiorella Floramo questo breve scritto. Avevo chiesto ai docenti di documentare quello che stavano facendo nell’emergenza che stiamo vivendo. La vivace umanità del racconto rende molto bene quello che abbiamo vissuto e che stiamo vivendo e per questo ritengo importante condividere questa breve “cronaca semi seria” con tutta la comunità scolastica majanese. Spero sia solo la prima di una serie di testimonianze dalla vicinanza. Perché durante questa fase di distanziamento e isolamento la nostra scuola ha saputo essere vicina.
 
Stefano Stefanel
Dirigente scolastico
 
 
Cronaca semi seria degli ultimi mesi di scuola

“Allora ragazzi è arrivata finalmente la gita”.
Era il 19 febbraio il giorno dopo saremmo partiti per destinazione Arta Terme e Zoncolan, neve sci e divertimento!
Occhi sgranati, tante domande, “Prof come avete diviso le camere?” “Possiamo sentire LA MUSICA ?” “A che ora c’è il coprifuoco?”
Eccitazione e felicità mista a quel senso di inadeguatezza tipico degli adolescenti.
Così siamo partiti, loro eccitatissimi, in cuor nostro una famosa citazione “Io speriamo che me la cavo”.
Tre giorni sulla neve, tempo splendido, incidenti di percorso nessuno, tantissime risate.
Li guardavamo quei ragazzi che avevano il mondo tra le dita quando s’incantavano davanti ad un amore appena sbocciato, a una riappacificazione tra amiche, al desiderio di calciare un pallone.
Siamo tornati a casa felici e contenti, un po’ stanchi, a dir la verità.
Davanti a noi tre giorni di vacanza. Li abbiamo salutati così:
“Riposatevi ragazzi, poi si ricomincerà alla grande; correremo assieme verso l’esame.”
Chi è stagionato come me è consapevole del fatto che gli ultimi mesi della terza media (mi piace chiamarla ancora così) sono decisivi, non tanto per la conclusione dei programmi o dell’esame in sé e per sé, piuttosto per la consapevolezza che la conclusione di un ciclo è alle porte, che molti troveranno alle superiori altri compagni, vivranno altre storie.
Ebbene quei tre giorni di vacanza sono diventati sei e poi …. poi i fatti sono noti a tutti.
Ci è stato chiesto di descrivere la nostra didattica a distanza…
Potremmo riempire un’enciclopedia su quanto è accaduto in questo tempo che alcuni definiscono sospeso.
Comunque bene o male ci siamo organizzati subito. E’ stata predisposta una parte del registro elettronico per inserire compiti e consegne, ma ancora pensavamo, poveri illusi, a un rientro possibile in pochi giorni.
Primo scoglio.
Molti alunni non avevano l’accesso al registro. A questo punto dunque abbiamo utilizzato le mail, quindi registro e posta elettronica sono diventati il nostro pane quotidiano.
Bisognava anche allertare i genitori, i rappresentati di ogni CDC, che abbiamo trovato efficaci ed efficienti nelle comunicazioni alle famiglie. Abbiamo raggiunto tutti, ma proprio tutti dopo varie peripezie.
Intanto s’infittivano le discussioni tra noi docenti in piena condivisione di strategie per l’intervento, per la nostra ricomputerizzazione professionale che è stata molto difficile, una sfida con noi stessi, il tempo, l’incertezza, ecc.
In un primo momento quindi ci siamo limitati alle consegne e alle correzioni degli elaborati.
Per la verità la demoralizzazione si faceva prorompente quando al mattino il numero delle nostre mail superava la cinquantina!
All’apertura dei file inoltre lo sconforto era massimo poiché i formati pervenuti erano tra i più vari, fotografie dal cellulare, pdf, word paint e non solo, spesso le immagini si ritrovavano capovolte o scritte in grafie illeggibili, tratti troppo leggeri per una lettura e una comprensione come si deve, a volte chiedevamo in un’immediata mail di risposta “Chi sei?” molti, infatti, non avendo l’account personale si servivano della
posta della madre, nessuna firma, nessun riferimento!
Comunque abbiamo creato cartelle e sottocartelle, cercando almeno di ordinare “le sudate carte” dei nostri allievi, per poi correggerle e inviarle nuovamente.
In quel periodo inoltre ci siamo resi conto che il contatto, se non altro vocale, con famiglie e ragazzi era basilare.
Ecco dunque comparire all’orizzonte messaggi vocali, video chat, lezioni registrate, poi strippate e inviate ai genitori con acclusi messaggi a commento.
Ma non bastava…
Abbiamo dunque cercato piattaforme utili per l’insegnamento a distanza, che brutta parola, quasi un ossimoro, come si può insegnare a distanza!
Ci siamo cimentati con piattaforme in cui i ragazzi si sentivano, ma non si vedevano, in altri momenti si vedevano ma non si sentivano. A volte il turbinio delle frasi si ripeteva ossessivo e monotono:
“Mi senti”
“Non ti sento, prova a ri connetterti”
“Spegnete il microfono, accendete il microfono”.
“Prof ho la connessione debole”
Tutto ciò si susseguiva per diverse ore.
Proprio così, per diverse ore perchè ci siamo resi conto che il gruppone non funzionava; lo abbiamo suddiviso quindi in sottogruppi a scapito della socializzazione (in questo caso pseudo- socializzazione) a noi tanto cara.
Dopo vari tentativi siamo riusciti a trovare il mezzo che sembrava più fruibile per noi e i ragazzi e quindi via; con gli orari delle varie discipline, l’allestimento delle piattaforme e le lezioni che sembravano essere più umane. Avevano una parvenza almeno di umanità e si chiudevano sempre con baci e abbracci virtuali e con un sorriso a volte velato di malinconia.
Ci siamo accorti da subito che in parecchi non potevano intervenire per la mancanza di quei mezzi informatici utili per le lezioni.
Erano, questi ragazzi, i famosi esclusi, quelli che solitamente fanno parte delle fasce più deboli per molti motivi.
Alcune impavide insegnanti, si sono recate a scuola per la distribuzione dei PC che sono stati ripuliti, messi a nuovo e quindi consegnati alle famiglie.
In questo modo tutti erano sullo stesso piano, in questa giostra infinita di alti e bassi.
A questo punto, anzi contemporaneamente, abbiamo contattato personalmente i ragazzi perché ci siamo
resi conto del loro malessere, del loro disagio. Erano irriconoscibili davanti allo schermo, ammutoliti; c’era
addirittura chi si nascondeva, chi non rideva alle inutili battute fatte dagli insegnanti per ravvivare un po’ la
situazione.
Si era creato un muro che s’identificava con lo schermo: la loro spensieratezza era stata ingabbiata, inghiottita dalla luce innaturale del monitor.
La situazione era simile in tutte le classi, abbiamo quindi “inforcato” il telefono e iniziato a parlare di chiacchiere con questo e quello cercando di infondere un po’ di serenità, si sa che tra i molteplici volti dell’insegnante c’è anche quello di un perfetto animatore turistico!
Ha funzionato, parzialmente, ma ha funzionato.
Anche le famiglie avevano bisogno di rassicurazioni; le video conferenze attraverso vari strumenti e la disponibilità degli insegnanti a colloqui individuali attraverso video chiamate o telefonate, hanno permesso di creare un rapporto fruttuoso tra scuola e famiglia.
Ora non ci manca che programmare l’ultimo giorno di scuola, avrà senza dubbio un sapore diverso dal solito, ma lo vivremo con l’emozione di sempre.
Sullo schermo scorreranno le immagini della nostra vita scolastica, rideremo ricordando i momenti vissuti assieme, le feste di compleanno, i giochi sportivi, le interrogazioni, le bestialità dette: “Per sbaglio prof”, il tutto condito con una bonaria presa in giro agli insegnanti.
Infine ci divertiremo con giochi interattivi, faremo volare stelle filanti e coriandoli perché questi momenti difficili possono comunque essere colorati dai sorrisi di ognuno di noi.

Fiorella Floramo
 

La Scuola Secondaria di primo grado di Forgaria è stata selezionata per il secondo anno consecutivo quale plesso partecipante a “#ScuolaFutura”, il primo Junior hack nazionale on-line della Scuola italiana.
All’iniziativa, che si terrà dal 18 al 20 maggio 2020, sono ammessi quattro studentesse e quattro studenti delle classi seconde che avranno l’opportunità di parteciparvi assieme ad altri 96 ragazzi provenienti da altre regioni italiane.

L’esperienza, assolutamente innovativa ed entusiasmante, si concretizzerà in una maratona dove i nostri alunni dovranno realizzare un progetto che, per il momento, è TOP SECRET!
Possiamo anticiparvi solo i nomi degli otto fortunati che lavoreranno ininterrottamente per tre giorni consecutivi:
Berton Emma, Dean Valentino, Garlatti Simone, Mereu Melissa, Mocchiolo Mattia, Presta Annalisa, Ribotis Melissa e Vidoni Igor.
Buon lavoro, ragazzi!

PROGRAMMA

 

I ragazzi della I A della scuola secondaria di Majano,di mail in mail, stanno creando ognuno il proprio “pezzetto” di questo racconto, aggiungendo o approfondendo ciò che qualcun altro ha inventato. Senza sapere chi c’è stato prima, senza poter conoscere ciò che accadrà, scrivono così…liberi dal tempo, dalla valutazione, dalla firma e perciò ancor più responsabili nel portare avanti questa “opera” collettiva.

Voi cosa aspettate? Andate a leggere! –Leggi

 

 

Un saluto dal Sindaco del CCRR…e un grande sorriso! –LEGGI– 

 
Auguri di buona Pasqua a tutti!
🐣
 

I bambini di Cornino sono a caccia del mostriciattolo Covid…a colpi di sorrisi e disegni! –VEDI

 

Gli alunni dell’IC di Majano e Forgaria hanno partecipato entusiasti al concorso Io disegno il futuro, indetto dall’IIS “G.B.Odierna di Montechiaro” in provincia di Agrigento.

Questo concorso, che vuole portare una ventata di speranza e di fiducia nel futuro, ha riscosso un enorme successo. Pensate che gli elaborati, provenienti sia dalle due scuole primarie che dalle due scuole secondarie, sono stati tantissimi, ben 85!

Ora non ci resta che aspettare gli esiti delle votazioni e…VINCA IL MIGLIORE!

 

Le maestre  spiegano ai bambini cosa sta succedendo e abbracciano virtualmente tutte le famiglie…-VEDI

 
attività, eventi e calendario riunioni
invio M.A.D.
Accesso genitori registro elettronico

Fondi Strutturali Europei
Siamo stati finanziati con 17.080,00 euro per il progetto "una rete per crescere" e con 22.000,00 euro per il progetto "l'inclusione in un click" - entra per i dettagli